Wassily

Poltrona Wassily in cuoio nero
Poltrona Wassily di Marcel Breuer
Poltrona Wassily in cuoio nero
Poltrona Wassily in cuoio nero
Poltrona Wassily in cuoio nero
Poltrona Wassily in cuoio nero
Particolare della struttura cromata
Particolare della struttura cromata
Particolare della struttura cromata
Particolare delle cuciture e del rivestimento in cuoio nero
Poltrona Wassily in cuoio nero
Poltrona Wassily in cuoio nero
Particolare del bracciolo
Particolare del bracciolo
Dettaglio della poltrona Wassily
Dettaglio della poltrona Wassily

Wassily

Poltrona Wassily ispirata al design di Marcel Breuer. Struttura in acciaio cromato e seduta dsiponibile in cuoio o cavallino in molti colori
€ 808,00

* Campi Necessari


Prezzo Scontato: € 603,58

Descrizione

Poltrona Wassily disegnata da Marcel Breuer per Wassily Kandinsky, utilizzando per il prototipo un tubo da 20 mm. Dopo diverse modifiche si giunse alla struttura definitiva in tubo di acciaio cromato senza giunti. Schienale, sedile e bracciolo sono in cuoio o in cavallino entrambi disponibili in vari colori.
Oltre ad essere un prodotto che appartiene alla storia del design, si tratta di un articolo realizzato da un laboratorio artigianale specializzato nella lavorazione di metallo e pelle.

Qualità e Valore
fedele riproduzione di un'icona di design
attenta selezione di materiali pregiati come il cuoio bulgaro e il pieno fiore
alta qualità data dalla lavorazione artigianale

Modelli e Dimensioni
- cm 79 p.70 h.72
Altezza Seduta: cm 45

Materiali e Finiture
Seduta e schienale: cuoio; cavallino
Struttura: acciaio cromato senza giunti

Approfondimento tecnico

Specifiche Materiali
Cuoio Bulgaro: spessore di circa 1,8/2 mm. Si tratta di uno spaccato del cuoio che viene lavorata artificialmente in modo da rendere il cuoio uniforme eliminando quelle piccole imperfezioni presenti nel cuoio pieno fiore.

Cuoio Pieno Fiore: spessore di circa 2,8/3 mm. La superficie non viene sottoposta a nessun trattamento che possa modificare le sue caratteristiche ed è quindi possibile vedere pori, grinze, piccoli graffi ed altre imperfezioni naturali.

Produttore

Questo articolo è il frutto della creatività e della sapienza artigiana che contraddistinguono l'azienda produttrice, ubicata in Toscana: una realtà nata da una vera e propria bottega, un'officina specializzata nella lavorazione di tubolari di acciaio per l'arredamento.
Coniugando l'eccellenza del "fatto a mano" che da sempre contraddistingue il settore dell'arredamento in Italia, e l'innovazione tecnologica, l'azienda si è saputa distinguere sul mercato tramite uno stile ed un'offerta inconfondibili.
La ricerca di materiali ed attrezzature meccaniche innovativi, il patrimonio culturale che solo un'azienda nata da una bottega può avere, sono gli ingredienti che contraddistinguono la produzione di questo brand leader nella creazione di arredi di design ispirati ai classici della Bauhaus e del modernariato: la collezione include tavoli, tavolini, poltroncine e sedie realizzati partendo dai disegni originali di Eames, Van Der Rohe, Eileen Gray, Mart Stam, Aarnio, Breuer, Jacobsen, Nelson.

Tavoli, tavolini, poltroncine e sedie iconiche ispirati ai classici del design

Informazioni Aggiuntive

Design
Marcel Breuer
Paese di Produzione
Italia
Numero Colli
1
Peso
15 Kg
Metri Cubi
0.46 m³
Altri prodotti della stessa Collezione
Vedi tutti i prodotti della collezione (cod.pr)

Designer

Marcel BreuerMarcel Breuer (Pécs, 1902 – New York, 1981)
Che Marcel Breuer sarebbe diventato uno dei grandi architetti creativi del secolo, lo si era capito già negli anni venti, quando, a trentadue anni, studiava nella falegnameria della Bauhaus. Il maestro artigiano Hartmann, per esempio, ricorda che Breuer, con coraggio e perseveranza, mise in questione le regole quasi sacre della Bauhaus e trovò soluzioni molto personali. Durante gli anni di studio alla Bauhaus ha disegnato mobili per una casa modello ed è stato cofondatore di una cooperativa per l'architettura. Dal 1925 al '28 ha diretto la classe di falegnameria. Le sue prime sedie in tubo d'acciaio sono di questo periodo e anche i primi arredamenti: le case dei maestri della Bauhaus, l'appartamento berlinese di Erwin Piscator.
Nel 1937 Breuer si trasferì negli Stati Uniti dove ha vissuto fino alla morte. A Cambridge (Massachusetts) aveva uno studio assieme a Walter Gropius e per nove anni è stato professore di architettura alla Harvard University. Breuer ha realizzato una serie di grandi progetti esemplari: l'edificio dell'Unesco a Parigi, il grande magazzino "De Bijenkorf" a Rotterdam, l'ambasciata degli Usa all'Aja, il Whitney Museum of American Art a New York e lo Sport Park a Flushing Meadows. Dopo gli anni '30 non ha più disegnato mobili, bensì arazzi. Breuer viene definito razionalista, ma non fu mai unilateralmente razionalista. La grande qualità delle architetture di Breuer è data proprio dalla loro bellezza abbinata a una grande funzionalità.

Vedi Anche