Piña

Sedia di design con gambe in legno Piña di Magis e seduta in tondino d'acciaio intrecciato
Sedia di design con gambe in legno Piña di Magis e seduta in tondino d'acciaio intrecciato
Sedia Piña di Magis con schienale e seduta imbottiti e gambe in massello di frassino naturale
Particolare della seduta imbottita della sedia di design con gambe in legno Piña di Magis
Sedia di design con gambe in legno Piña di Magis con cuscino a tutta altezza
Tondino d'acciaio intrecciato della sedia Piña di Magis che richiama il motivo capitonné
Sedia di design con gambe in legno Piña di Magis nel modello a dondolo
Sedia Piña di Magis con cuscino nella parte superiore rivestito in tessuto o pelle
Particolare intreccio del tondino d'acciaio della sedia Piña di Magis che ricrea l'effetto visivo della buccia d'ananas
Sedia Piña di Magis nel confortevole modello a dondolo ideale sia in ambienti interni che esterni
Massimo relax offerto dalla sedia Piña di Magis nella versione a dondolo
Campionario - colori e finiture disponibili
Campionario - colori e finiture disponibili
Campionario - colori e finiture disponibili
Modelli e Dimensioni della sedia di design con gambe in legno Piña di Magis

Piña

Sedia di design con gambe in legno Piña di Magis, ideata da Jaime Hayón. Seduta in tondino d'acciaio intrecciato che richiama il motivo capitonné.
€ 598,00

* Campi Necessari


Prezzo Scontato: € 538,20
Store Credit generati: € 35,00

Descrizione

La sedia di design con gambe in legno Piñadi Magis, realizzata da Jaime Hayón, è caratterizzata dalla scocca in tondino d'acciaio intrecciato che richiama il motivo capitonné. Le gambe sono in massello di frassino naturale o verniciato, oppure in acciaio trattato cateforesi adatto anche all'uso esterno. L'avvolgente seduta è resa ancora più comoda dalla presenza di due cuscini con imbottitura in poliuretano espanso e rivestimento in tessuto Kvadrat o pelle. Il tondino in acciaio si intreccia ad elica per ricreare l'effetto visivo della buccia di ananas (piña appunto). L'effetto ottenuto è un ricamo metallico morbido e "gonfio" che rende la seduta visivamente leggera e trasparente.

Caratteristiche
gioco di trasparenze grazie alla scocca in tondino d'acciaio intrecciato
disponibile anche nel modello a dondolo per il massimo del relax
cuscini rivestiti in tessuto o in pelle
schienale disponibile con cuscino nella parte superiore o a tutta altezza
linea di sedie adatta sia per l'arredo di ambienti interni ed esterni

Dimensioni
Con quattro gambe:
- cm 53 p.53 h.81

A dondolo:
- cm 53 p.73 h.78

Altezza di seduta:
- cm 47 (per i modelli con quattro gambe)
- cm 46 (per il modello a dondolo)

Altezza braccioli:
- cm 65 (per i modelli con quattro gambe)
- cm 64 (per il modello a dondolo)

Materiali e Finiture
Gambe:
- massello di frassino: naturale / verniciato
- acciaio trattato cataforesi verniciato poliestere
Pattini:
- massello di frassino: naturale / verniciato
Seduta / Schienale:
- tondino di acciaio verniciato con resina epossidica
Cuscini:
- tessuto
- pelle

Opinione Arredatore

L'Opinione dell'Arredatore
La sedia di design Piña nasce dalla collaborazione tra il designer spagnolo Jaime Hayón e Magis ed è legata al cosiddetto "Il filo di Magis", un filone basato sulle moderne reinterpretazioni del tondino d'acciaio che coinvolge anche la sedia Flux e il tavolo e la sedia Vigna.
Presentata al Salone del Mobile di Milano 2011, è frutto di un'attenta ricerca volta a trovare materiali e forme sofisticate e che sfocia in un'elegante combinazione tra legno e struttura capitonné in tondino. Nella sedia
Piña l'applicazione del tondino d'acciaio viene portato all'estremo con la ricerca dell'effetto "gonfiato" tipico della lavorazione capitonné. Ogni segmento della trama tra i punti di giunzione è infatti curvato verso l'esterno per ricreare alla perfezione sul retro l'effetto morbido e per l'appunto "gonfiato" del capitonné.

Approfondimento tecnico

Specifiche Materiali
Struttura in acciaio verniciato poliestere: la verniciatura in poliestere viene realizzata con resine e polveri a base di polimeri e consiste nella creazione di uno strato superficiale che protegge i materiali dagli agenti atmosferici, in particolare viene realizzata sulle superfici metalliche garantendone una resistenza maggiore all'ossidazione.

Consigli per la Manutenzione
Tessuti per uso esterno: spolverare delicatamente e in caso di macchie lievi passare la superficie con un panno umido o con una soluzione di detergente neutro, risciacquando con acqua, senza strizzare. Lasciare asciugare al rovescio evitando l’esposizione diretta alla luce del sole. Stirare al rovescio a bassa temperatura.
Per le macchie localizzate e più ostinate (olio, grasso, cosmetici, inchiostro, caffè, liquori, chewing-gum etc.) si consiglia di seguire le seguenti istruzioni: disciogliere tempestivamente la macchia con alcol etilico diluito (liquido incolore) in acqua al 20%, tamponare e trattare successivamente con una soluzione di detergente neutro, risciacquare bene. Si sconsiglia l’uso di spugne abrasive poiché potrebbero graffiare il prodotto. È sconsigliato l’uso di prodotti acidi, di solventi o di prodotti contenenti ammoniaca.
Una manutenzione periodica e corretta mantiene l'aspetto originario e prolunga la durata del prodotto. Evitare prodotti di pulizia diversi da quelli indicati e un uso improprio del prodotto: non appoggiare oggetti ad alta temperatura, non sedersi sullo schienale o salire sulla seduta in piedi, non impiegarlo come scaletta.
Tessuti per uso interno / pelle: la manutenzione quotidiana e l'eliminazione immediata delle macchie garantiscono che il rivestimento di lana si mantenga in ottime condizioni; spesso è sufficiente pulire con aspirapolvere ed esporre regolarmente il prodotto all'aria fresca. Di tanto in tanto è consigliabile pulire il tessuto utilizzando un detergente per lana di buona qualità seguendo attentamente le istruzioni: fare attenzione a non bagnare eccessivamente il tessuto, le fodere in lana non vanno lavate in acqua ma solo a secco; non utilizzare mai smacchiatori non diluiti e nemmeno sbiancanti, ammoniaca o sapone destinati alle superfici solide.
Normalmente è possibile eliminare molti tipi di macchie limitandosi ad utilizzare acqua tiepida. Per le macchie oleose utilizzare uno smacchiatore a secco. Per le macchie insolubili (chewing-gum, cera di candele, etc) utilizzare un sacchetto di plastica riempito di ghiaccio per strofinare la macchia fino a quando la sostanza diventa friabile; utilizzare una lama pulita, non affilata e piatta per rimuovere delicatamente la sostanza.
Raccomandiamo di contattare una buona lavanderia, in particolare per macchie grandi e/o per una pulizia a fondo. Prestare particolare attenzione quando si utilizzano i solventi, perche potrebbero danneggiare l'imbottitura sottostante.
Per il rivestimento in pelle spolverare regolarmente con panno morbido e asciutto. Utilizzare eventualmente prodotti specifici per la pulizia della pelle e asciugare immediatamente dopo il trattamento. Nel caso in cui la macchia fosse di inchiostro o similari, usare esclusivamente l'apposito stick specifico per inchiostro che si trova in commercio. Fare attenzione che tali superfici non vengano a contatto con sostanze acide. Evitare l'esposizione alla luce diretta del sole o a fonti di calore.

Produttore

La storia di Magis è fatta di prodotti vincenti, successo commerciale e creazioni che hanno cambiato la storia del design contemporaneo. L'azienda veneta nasce nel 1976 ed in pochi anni si impone sul mercato con arredi originali, materiali all'avanguardia e lavorazioni innovative. Il 1984 è l'anno della scaletta Step che, seppur inizialmente snobbata, negli anni successivi viene prodotta in un milione di esemplari diventando un classico desiderato ed imitato. Gli anni '90 vedono la collaborazione di designer come Jasper Morrison, creatore di pezzi iconici oggi esposti al MoMa. Di questi anni è anche la mitica seduta Bombo di Stefano Giovannoni. Il susseguirsi di successi mediatici e commerciali hanno portato Magis ad occupare le esposizioni permanenti dei più celebri musei di arte contemporanea.
Il 2000, anno della Air-Chair di Morrison, vede la produzione orientarsi verso le materie plastiche, riciclate e riciclabili, con l'adozione dell'iniezione e dello stampaggio rotazionale. Il 2004 dà la luce a Me Too, collezione dedicata ai piccoli. Le creazioni di Magis continuano a ricevere numerosi riconoscimenti internazionali, ultimo dei quali il Compasso d'Oro 2011 conferito alla Steelwood Chair dei Bouroullec.

Informazioni Aggiuntive

Design
Jaime Hayón
Paese di Produzione
Italia
Requisiti di Montaggio
Montaggio Assente o Basilare
Istruzioni Montaggio
Scarica le Istruzioni di Montaggio
Numero Colli
1
Peso
da 9,6 a 10,6 Kg
Metri Cubi
da 0,22 m³ a 0,35 m³
Altri prodotti della stessa Collezione
Vedi tutti i prodotti della collezione (Magis)

Designer

Jaime HayonJaime Hayón
Jaime Hayón (Madrid, 1974) artista-designer spagnolo nel 1997 è entrato a far parte di Fabrica, il centro di ricerca sulla comunicazione fondato da Benetton, dove ha diretto il reparto di design fino al 2003. Successivamente, ha fondato il suo studio e dal 2003 si è dedicato unicamente ai suoi progetti personali; grazie al suo interesse per la conservazione delle abilità artigianali ha avviato collaborazioni con aziende tradizionali di alto livello, interessate all'evoluzione del proprio lavoro.
Nel 2013 ha disegnato e realizzato la sua prima collezione di ororlogi da polso per il nuovo marchio svizzero OROLOG. Time Magazine lo ha incluso tra i 100 creativi più importanti contemporanei ed anche la rivista Wallpaper lo ha indicato come uno dei creativi più influenti. Al momento, Hayón si sta dedicando agli interni di prestigiosi hotel, ristoranti e negozi in tutto il mondo trovando in continuazione nuove sfide e nuove prospettive.


Vedi Anche